• EUR
  • Cosa stanno cercando?

  • Carrello della spesa
    Nessun articolo nel carrello

    Indicare il numero di partita IVA è obbligatorio per gestire l’acquisto in Germania come consegna intracomunitaria non soggetta a imposizione fiscale.

Wiki

Articolazione sacroiliaca

Cos'è l'articolazione sacroiliaca (ISG)?

L'articolazione sacroiliaca, chiamata anche articolazione iliaca o articolazione sacroiliaca, è l'articolazione tra il sacro e l'ilio e collega la parte inferiore della colonna vertebrale (os sacro) al bacino (os ilio). In effetti, avete due articolazioni sacroiliache, una sinistra e una destra. L'articolazione ha poca mobilità ed è quindi soggetta a fratture, lussazioni o infiammazioni croniche.

Cos'è la sindrome dell'articolazione sacroiliaca (sindrome ISG)?

Ora può essere che le superfici articolari dell'articolazione sacroiliaca siano mal riconosciute. Questo accade a causa di carichi errati, movimenti imprevisti o anche durante la gravidanza. Questo dolore è chiamato sindrome ISG. Il dolore proviene dall'articolazione sacroiliaca stessa. Questo dolore ISG può presentarsi in modo discontinuo quando si piega o si torce il tronco. A volte il disagio si verifica anche dopo uno sforzo fisico prolungato o dopo essere stati seduti in una posizione per molto tempo.

Quando le superfici articolari si disallineano durante il movimento, si bloccano. Questo blocco ISG provoca il tipico dolore ISG nell'articolazione interessata, cioè a sinistra o a destra. Tuttavia, il dolore può anche irradiarsi dalla parte bassa della schiena, attraverso le natiche, nella coscia e nel ginocchio. Questo dolore è molto simile a un'ernia del disco, ed è per questo che può essere consigliabile vedere un medico.

Quali sono le cause della sindrome ISG?

Se ora vengono esercitati frequenti carichi di trazione o compressione sui legamenti dell'articolazione sacroiliaca, ciò può provocare un'infiammazione. Questi stress sono causati da una cattiva postura, dal sollevamento di carichi pesanti e anche dall'obesità. Nel trattamento di una sindrome ISG, non è quindi utile alleviare solo il dolore, ma affrontare subito le cause, in modo che i disturbi non diventino cronici.

Per quanto si possa trattare e prevenire bene in molti casi, ci sono casi che sono diversi, come la gravidanza. Anche allora può verificarsi una sindrome ISG, che è dovuta al cambiamento ormonale e all'allentamento dei legamenti che l'accompagna. Anche le malattie possono essere responsabili della sindrome ISG, come la malattia di Bekhterev, una malattia infiammatoria cronica della colonna vertebrale e del bacino.

Cosa fare se si ha la sindrome dell'articolazione sacroiliaca?

Se c'è un dolore nella parte bassa della schiena che si irradia al ginocchio, e non migliora nonostante il calore e il rilassamento, si raccomanda di vedere un medico in modo che possa indagare se si tratta della sindrome ISG o di qualcos'altro, come un'ernia del disco. Questo dolore radiante non deve necessariamente indicare la sindrome ISG, può anche essere un sintomo di un Osteoartrite nell'articolazione dell'anca, spondilite anchilosante o altre infezioni. Solo un professionista può assegnare i sintomi e confermare o escludere la sindrome ISG, se necessario.

Il trattamento della sindrome ISG

Se viene diagnosticata una sindrome ISG, il medico può iniettare un farmaco anestetico direttamente nell'apparato legamentoso dell'articolazione sacroiliaca o anche nello spazio articolare. In alternativa, si usa il cortisone. Il medico di solito prescrive anche Esercizio e fisioterapia, perché il movimento fa parte del trattamento della sindrome ISG.

A chiunque sia stata diagnosticata la sindrome ISG si consiglia di fare sufficiente esercizio fisico e di allenare regolarmente i muscoli addominali e dorsali. Le sedie da ufficio che permettono dei movimenti sani, perché naturali, possono anche essere usate in modo solidale. Questi includono, per esempio, le sedie attive Swopper e 3Dee di Aeris, perché grazie alla loro flessibilità tridimensionale permettono il doppio del movimento rispetto alle sedie da ufficio convenzionali.