• EUR
  • Cosa stanno cercando?

  • Carrello della spesa
    Nessun articolo nel carrello

    Indicare il numero di partita IVA è obbligatorio per gestire l’acquisto in Germania come consegna intracomunitaria non soggetta a imposizione fiscale.

Wiki

Malposizioni

Cosa sono le cattive posture?

Nella vita di tutti i giorni, la cattiva postura viene notata prima sotto gli "aspetti di bellezza". In realtà, però, una postura scorretta ha cause e conseguenze di vasta portata per la salute.

In ergonomia, si parla di postura scorretta quando la tensione o il dolore muscolare sono causati da una postura sfavorevole sul lavoro (per esempio stando seduti o in piedi troppo a lungo e rigidamente).

Da un punto di vista ortopedico, la cattiva postura è praticamente il precursore dei difetti posturali o Difetti posturalicome la schiena cava, la gobba o la scoliosi.

La causa della cattiva postura

La cattiva postura è quasi sempre il risultato di una tensione muscolare cronica. Queste spesso sorgono perché l'interazione dei muscoli (antagonisti e protagonisti) non è corretta.

Pertanto, una persona può avere una schiena fortemente allenata dallo sport - ma se i muscoli addominali non sono in Equilibrio può ancora portare a problemi alla schiena a causa della tensione. La semplice formula: "più muscoli = nessuna cattiva postura" non è quindi valida.

Una volta che i muscoli entrano in uno squilibrio, sono sotto tensione costante. Questo è notevole ed estenuante. Si tende ad adottare una postura protettiva - e persino ad aggravare il problema.

La cattiva postura e la tensione muscolare non sono quindi cattive abitudini che possono essere interrotte, ma sono principalmente il risultato di fattori ambientali come l'altezza errata della postazione di lavoro, il fatto di stare sempre seduti e in piedi, i movimenti monotoni, ecc.

Evitare la postura scorretta in ufficio

Una postura naturale, rilassata ed eretta non è solo desiderabile da un punto di vista estetico, ma anche per evitare tensioni e dolori. Ma come si possono evitare queste posture scorrette in ufficio - dove passiamo 9-10 ore al giorno prevalentemente seduti o in piedi in postazioni di lavoro rigide?

Prima di tutto, è importante capire che non si tratta di mantenere una "postura ergonomicamente perfetta" il più a lungo possibile - ma che è meglio, soprattutto per i muscoli della schiena, variare i movimenti.

Ecco perché è importante avere una postazione di lavoro che permetta di stare seduti e in piedi in movimento, lo renda possibile e, idealmente, addirittura lo sfidi e lo incoraggi. Il modo più semplice per farlo è con un seggiolino attivo come lo Swopper, il 3Dee o il Muvman di Aeris.

Grazie alla loro specifica tecnologia 3D, le sedie attive permettono molti movimenti in tre dimensioni: in avanti e indietro, di lato e su e giù. Questo tipo di movimento corrisponde al naturale impulso umano a muoversi: spontaneamente, intuitivamente, liberamente e auto-organizzato in ogni direzione, con continui cambiamenti di postura. Di conseguenza, più movimento è integrato nella vita quotidiana in modo del tutto casuale.

In poche parole - con una settimana lavorativa di 40 ore in ufficio, un sedile attivo Aeris aiuterà i dipendenti ad avere una settimana lavorativa di 40 ore in movimento. Questo attiva i muscoli e rafforza la schiena.

Inoltre, l'elemento di movimento 3D nell'articolazione del piede delle sedie attive e l'assenza di braccioli assicurano una postura ottimale rispetto alla superficie di lavoro. Nessuno deve "dondolarsi" per superare la distanza tra la sedia e la superficie della scrivania. La schiena rimane dritta e si evita così una postura scorretta.