• EUR
  • Cosa stanno cercando?

  • Carrello della spesa
    Nessun articolo nel carrello

    Indicare il numero di partita IVA è obbligatorio per gestire l’acquisto in Germania come consegna intracomunitaria non soggetta a imposizione fiscale.

Wiki

Spina dorsale

Cos'è la spina dorsale?

La colonna vertebrale è una parte importante dello scheletro che regge e sostiene il corpo umano. Come un asse o come una colonna flessibile, la spina dorsale forma il centro del corpo e collega tutte le ossa e le parti dello scheletro. La colonna vertebrale permette alla persona di camminare in posizione eretta e di muoversi in avanti, di lato e all'indietro. Inoltre, la colonna vertebrale protegge il midollo spinale, che si trova all'interno della colonna vertebrale - nel canale spinale. Inoltre ammortizza gli urti, proteggendo così il corpo e il cervello dalle vibrazioni. Colloquialmente, la colonna vertebrale è anche chiamata spina dorsale.

Qual è la struttura della colonna vertebrale?

La spina dorsale umana è divisa in cinque sezioni separate: Spina cervicale, spina dorsale toracica, Spina lombaresacro e coccige. Ogni singola sezione è composta da singole vertebre. In totale, la spina dorsale umana ha da 33 a 34 vertebre (vertebre), che si differenziano in base alle loro diverse funzioni. Ci sono sette vertebre cervicali, dodici vertebre toraciche e cinque vertebre lombari. Queste vertebre appartengono alle vertebre mobili e sono collegate da Dischi intervertebraliarticolazioni vertebrali e Legamenti collegati tra loro. Le cinque vertebre sacrali e quattro o cinque coccigee si fondono all'età di 20-25 anni per formare il sacro e il coccige. Appartengono quindi alle vertebre rigide della colonna vertebrale.

A seconda che le vertebre si trovino nella colonna cervicale o più in basso nella colonna lombare, sono strutturate in modo leggermente diverso. Questo perché le vertebre della colonna lombare devono sopportare un peso significativamente maggiore rispetto alle vertebre toraciche o cervicali. Le vertebre inferiori sono più grandi di quelle superiori, che devono portare solo la testa, ma le vertebre superiori permettono più mobilità di quelle più in basso. Fondamentalmente, però, tutte - tranne la prima e la seconda vertebra cervicale - sono composte da un corpo vertebrale, un arco vertebrale, un processo spinoso, due processi trasversali e quattro processi articolari. I legamenti e i muscoli sono attaccati ai processi spinosi e trasversali.

Qual è la forma della colonna vertebrale?

Se guardate la spina dorsale dal lato, potete vedere rapidamente che ha una forma a S - in effetti, ha due forme a S. C'è una S tra le vertebre cervicali e le vertebre toraciche e anche tra le vertebre lombari e il coccige. La curvatura inferiore a forma di S è chiamata Lordosi. Tuttavia, se si guarda la spina dorsale dal davanti, dovrebbe essere più o meno a forma di candela.

Cos'è la scoliosi?

La scoliosi è una deformazione laterale o curvatura della colonna vertebrale. In questo caso, la colonna vertebrale curva a destra o a sinistra in un punto. Inoltre, i singoli corpi vertebrali si torcono.

All'inizio, la scoliosi di solito non causa alcun sintomo immediato. Tuttavia, una scoliosi pronunciata mette a dura prova tutte le strutture coinvolte, con conseguenti segni di usura (es. Osteocondrosi) si verificano nella colonna vertebrale, il che porta al dolore, soprattutto al mal di schiena.

Quali sono le opzioni di trattamento per la scoliosi?

Per le curvature della colonna vertebrale da lievi a moderate, esercizi mirati che rafforzano i muscoli della schiena - e naturalmente i muscoli addominali - possono aiutare.

Nella vita di tutti i giorni, soprattutto in ufficio, è possibile sostenere il rafforzamento dei muscoli della schiena utilizzando sedie attive. Le sedie attive Aeris sono progettate per permettere movimenti flessibili e naturali - incidentalmente mentre si è seduti - attivando e rafforzando così i muscoli e prevenendo problemi alla spina dorsale e alla schiena.

Riferimenti individuali

Il mio libro posteriore, Prof. Dr. Dietrich Grönemeyer, Verlag Zabert Sandmann, 2004